HASTA SIEMPRE, CUBA

by Giovanni Vichi

 People and streets of a unique country

The first impact with Cuba was obviously L’Havana. I arrived in the evening together with Francesco, one of my travelling friends. It is still very hot and the humidity is very high. Leaving the airport, we are immediately approached by Julio who is fluent in Italian and who offers to take us to our hotel in the city with his rusty car made in Russia for just 15 CUC, the Convertible Cuban Pesos.
My trip in the island of the Lider Maximo, Fidel Castro, and the Guerrillero Heroico, Che Guevara, has just begun.
First night in Centro Habana. Federico, another friend of ours come with another flight, is waiting for us at the hotel; along with Ella, that arrives 10 days later in Santiago, complete the group of would-free drinkers of Ron. Quick shower and then out for a walk ... people everywhere on the streets, poor roads surrounded by buildings damaged by the time, and at night all that is more evident. The first impression is not the best; we walk safely, but the first night we pay attention to the possible risks.
The next morning everything seems to have taken another shade, the saturated colours of the always alive city begin to emerge thanks to the sunlight and I start to build my photographic report: a report by the road, compound especially by people and colours that don’t seem to miss in Cuba as I will find out in the following days.
First cigar and first tasting of Ron and it is still just in the morning. We cross the Prado and then we go straight to Habana Vieja. This part of the city is being renovated through funding by UNESCO and where the jobs are finished it's possible to see again the glories of Spanish colonialism enriched by buildings and streets with bright colours.
From the beginning I have a feeling that I will get in touch with a population extremely interesting and unique, proud and silently critique, not yet swallowed up by the uncontrolled capitalism but however able to have fun.
The Cubans have to survive in a context of life that is not easy and for this reason they are “sly” but nonetheless they show respect and sympathy to the tourist, which obviously represents for them a strong source of profit. Moreover, the regime is very watchful to the propaganda aspect and to the image of himself. It would do anything to protect the stranger visiting Cuba and the image of a nation that, with few natural resources, lives mainly from tourism. In just three weeks we will be stopped seven times by the cuban police and in none one of these occasions we will be asked a document: the attention of the police will always be directed to the Cubans with us to make sure that they don't try to cheat us in any way.
In our peregrination on the streets of the city many Cubans come to us. They would like to have a chat with us and they hope to gain some CUC from any suggestion or indication, useful and not.
The first impression about the Cubans is that they have a strong desire of change, but at the same time they don't know what the future might have in store for their when Castro's regime will end. This unawareness about the future becomes sometimes fear and the fear ties the Cubans to Fidel, master father of the whole nation. A dictatorship that scare but that nevertheless looks at the people and that, it would seem, does not want to create disparity. So if it is true that many might live better, it is also true that a lot of people, if not most, could live much worse.
In Habana Vieja we find our accommodation for the three days after: it is the casa particular of Orlando and Darlene, who along with their neighbors fill us of attentions. They are nice and very kind and they spend two nights with us dancing in one of the clubs along the Malecon, the famous Havana's waterfront, and in a paladar, the cuban particular restaurant.
During these three days, as well as to enjoy the wild nights of the capital, we wander through the city, where the regime's propaganda is mistress. Plaza de la Revolución is the symbol of this propaganda. The square is the political heart of Cuba, surrounded by government buildings, on whose facades stand out the huge images of Camilo Cienfuegos and Che Guevara (from the famous photo by Alberto Korda) with its motto "hasta la victoria siempre" known all over the world. In the middle of the square there is the Jose Marti's monument, one of many that Cuba has dedicated to him, but this is certain the most impressive. The tallest building in L’Havana, from which, it seems, it's possible to enjoy a magnificent view of the city. However that day the monument is unapproachable, protected by armed guards. We can not even understand the raison, the guards send us away saying "Serrato".
From L’Havana to Trinidad, the difference is so great: the first is a large and lively city, the second is a small and quiet village. The colours and the atmosphere make Trinidad perfect to be photographed. Here there are mainly old men and most of they exploit the early morning or the late afternoon to enjoy a bit of cold sitting down outside their homes. This is the moment of the day that I chose to take pictures. Walls, doors and windows with a large variety of colours as background. Along Simon Bolivar and his cross streets, from the casa particular of Ariel and Madelvys up to the Plaza Mayor, to the market of the Old City and to the Casa de la Musica.
From Trinidad we move also towards the falls of the Jump of the Caburni: 45 minutes on a car eaten by rust that turns on only by giving a boost; then 3 km walking ... but it's worth it!
We leave Trinidad and we go towards Camaguey, ever colourful and seemingly neat, but much larger. Here too the centre is being restored and there are four squares to see, beautiful, but essentially frequented only by tourists. It is above all the labyrinth of streets that fascinates with house facades each time in a different colour: blue, green and pink are fashionable.
About Camaguey I will remember especially Jimmy, met to the central market of the city, that in the past was vast and rich of things but now it is reduced to a small area. Jimmy of course is Cuban and he tells us that he was a professor at the Psychology University, but from some years he has reluctantly stopped to teach because he has discovered that he would have gained better by doing odd jobs on the street. Jimmy takes us to see the house that was being built and where he will go to live with his dentist wife. The house adjoins with the house of his brother. Here we meet also his friend Umberto, who helps him in the renovations.
Jimmy speaks Italian very well, that he learned by itself. For a couple of hours he tells us about his Cuba, which is full of contradictions, and, like many of its homes and buildings, Cuba has a facade all in all beautiful and charming, but then if you go inside and if you dig a little, it shows itself for that it really is. Jimmy is a psychologist and he is really intelligent (it's easy to pretend to be stupid, but to pretend to be smart instead is not possible); he has been forced to work on the street and he hopes that sometimes tourists like us give him a little hand; his wife is a dentist and she will leave Cuba for a couple of years to work in Venezuela where she will gain more money in order to foot the bill of the new house.
Contrary to what I believed, Cubans pay water and light: I could see the bills and the meter. The healthcare is a inalienable social right for all, but it is taxed; the food and the water that the State gives to the Cubans every month is really a pittance; Jimmy leaves me an old State book in which his meagre monthly food rations were marked.
However the major problem is linked to the lack of freedom: every Cuban controls the other one. Each neighbourhood has its CDR, Comité de Defensa de la Revolución, born in 1960 as a popular response to terrorism instigated by the organizations that fight secretly the Cuban Revolution. Since then, the CDR constitutes the greater organization of the people, to which today they belong more than 88% of the Cuban people with more than 14 years of age. The CDR checks every Cuban, every home, every business, it keeps a log of everything that affects every single family, all the family gains, everything the family buys and sells. On every single door of Cuba a small sticker is attached showing the word "controlled". It is only thanks to the black market, on which the police luckily turn a blind eye and where Cubans buy the extra food, clothing and useful services to live, that the system does not collapse.
According to Jimmy and his family "it's better poor under a bridge in Italy than rich in Cuba," and also "it's better the most dangerous but uncensored Venezuela than Cuba."
But it should be underlined that despite the GDP of Cuba is that of a third world country and despite the strong restrictions on foreign trade imposed by the United States of America, healthcare, education and a house are insured anyway to all Cubans at very low cost. However the price to be paid is the lack of freedom, the impossibility to do something without the approval and supervision of the State, the impossibility to emerge. On the one hand the work is insured by the State to all Cubans and only to Cubans, on the other hand the prices and the profit of each activity are controlled and decided by the State itself. It's probably this lack of freedom that weighs more on the Cubans, especially on the younger ones; the lack of freedom makes grow more and more in them the spirit of rebellion.
During the trip I talked about life in Cuba not only with Jimmy but also with many other Cubans: they yearn for freedom, but it also seems that they are afraid because they don't know what could happen after Fidel and this fear keeps them still tied to the actual system. Many times the greatest fear lies precisely in what we do not know, because it doesn't offers any security contrary to what is known.
From Camaguey to Santiago de Cuba, that is at the other end of the island than L’Havana. Santiago is the second capital of the country for size and for location; it's a coloured city, built on the hills near to the sea and for this reason characterized by constant ups and downs. In Santiago each district has its own gang with its boss and here the control of the State seems to be a bit lower. Here we should be a bit more alert and careful.
In Santiago it seems to be even stronger respect the rest of the island the pride of being Cuban, the pride of being from Santiago. Slogans, propaganda everywhere, monuments and references to the rebellious spirit of the city where the Cuban Revolution has begun, with its heroes like Fidel and Che, but especially, around here, Almeida.
Here we meet Lucibel that for the three days in Santiago is our personal driver and guide. He brings us around the city and out of it, from the beach to the mountains surrounding. Lucibel once was in the Cuban army and now old and retired gives support to his family working as a taxi driver for a few Pesos.
Lucibel works with his rickety car that the State gave him at a fair cost. He describes and tells us the story of each memorial that we find along the way; he praises over and over again the regime, and he continues to do it even after that the police stops him and does him a fine because he drives a taxi without the license. So for one day, Lucibel takes us everywhere only in order to pay a unjust fine: I wonder how according to the cuban regime Lucibel could live without an adequate pension and without this work under the table. Lucibel justifies the regime with a single phrase, "a life without sacrifice has no taste". This phrase probably reflects the most part of the older cuban people who in the past have fought for their freedom alongside Fidel and now they continue to acclaim him, even though perhaps they begin to feel this "freedom" too tight. The phrase expressed by Lucibel is certainly very beautiful and profound, but in this case it seems to lack something, the right reward after so much sacrifice.
After Santiago we begin to return to the West, through before the stunning but purely tourist Cayos, and then for the city of Santa Clara. Santa Clara is the town of the legendary Che, where he led the rebels and he broke the mercenary lines of Batista paving the way for the success of the Revolution of Fidel and the cuban people. The Guerrillero Heroico is just buried in Santa Clara, where a majestic mausoleum is dedicated to him.
Last stop on my trip to Cuba is the far West of the island and more specifically Pinar del Rio, famous for its beautiful flora. It is the region where the best tobacco is grown. For these lands we move also on horseback, through the fields, where we meet with some farmers and cattle farmers of the place.

After three weeks in Cuba, I take the road towards the airport, in the only day of storm during my trip. It was a wonderful experience that I'm glad to have done before that Cuba changes itself into what is not, but that "maybe" it wishes to be.
Hasta siempre, Cuba!

 Persone e strade di una nazione unica

Il primo impatto con Cuba è stata ovviamente L’Havana. Insieme a Francesco, uno dei miei compagni di viaggio, sono arrivato di sera ma è comunque ancora molto caldo e l’umidità è altissima. Usciti dall’aeroporto, siamo immediatamente avvicinati da Julio che parla bene l’italiano e che si offre di accompagnarci in città al nostro albergo con la sua ormai rugginosa macchina made in Russia per appena 15 CUC, il Pesos Convertible Cubano.
Il mio viaggio nell’isola del Lider Maximo, Fidel Castro, e del Guerrillero Heroico, Che Guevara, è appena iniziato.
Prima notte in Centro Habana dove ci aspetta Federico, altro nostro amico, partito con un altro volo; insieme ad Ella, che ci raggiungerà 10 giorni dopo a Santiago, completano il gruppo di aspiranti liberi bevitori di Ron. Doccia al volo e poi fuori a fare due passi … gente ovunque per le strade, strade povere circondate da palazzi ormai rovinati dal tempo, che di notte lo sembrano ancora di più. Il primo impatto non è dei migliori, siamo tranquilli, ma quella prima sera prestiamo comunque molta attenzione.
La mattina del giorno dopo, tutto sembra aver assunto un’altra sfumatura, i colori saturi di una città sempre viva iniziano ad emergere con la luce del sole ed io con la mia macchina fotografica inizio a costruire il mio reportage, un reportage di strada, composto soprattutto di persone e colori, che a Cuba, come avrò modo di scoprire nei giorni seguenti, sembrano proprio non mancare da nessuna parte.
Primo sigaro e prima degustazione di Ron ed è ancora appena mattina, attraversiamo il Prado e poi verso Habana Vieja. Questa parte della città è in ristrutturazione grazie ai fondi stanziati dall’UNESCO e la dove i lavori sono finiti riemergono i fasti del colonialismo spagnolo arricchiti da palazzi e strade dai colori accesi.
Fin da subito ho la sensazione che entrerò in contatto con una popolazione oltremodo interessante e particolare, orgogliosa e silenziosamente critica, non ancora inghiottita dal capitalismo sfrenato ma pur sempre capace di divertirsi.
Dovendo sopravvivere in un contesto di vita affatto semplice, i cubani si dimostrano fin da subito “furbi” ma al contempo mostrano comunque rispetto e simpatia verso il turista, che ovviamente rappresenta per loro una grossa fonte di guadagno. C’è poi da considerare un regime, molto attento all’aspetto propagandistico e all’immagine di se stesso, che farebbe di tutto per tutelare lo straniero in visita a Cuba, ne va dell’immagine stessa di un’intera nazione che, con poche risorse naturali, vive soprattutto di turismo. Saremo fermati ben sette volte dalla polizia cubana in appena tre settimane di viaggio e in nessuna di queste occasioni ci verrà chiesto un documento o rivolta parola: l’attenzione dei poliziotti sarà sempre rivolta ai vari cubani che si alternano in nostra compagnia per assicurarsi che non ci stiano in alcun modo importunando o provando a fregare.
Nel nostro vagabondare per le strade della città veniamo infatti continuamente avvicinati dai cubani, che si offrono di fare due passi con noi, scambiare due chiacchiere e sperare da qualsiasi suggerimento o indicazione data, utile e non, di cavarne qualche CUC.
La prima impressione dei cubani, maturata fin dai primi giorni di viaggio, è che abbiano una gran voglia di cambiamento, ma al contempo sono completamente inconsapevoli di ciò che potrebbe riservargli il futuro il giorno in cui il regime Castrista dovesse finire. Questa inconsapevolezza sul futuro muta talvolta in paura che gli tiene alla fine legati e fedeli a Fidel, padre padrone di un’intera nazione. Si tratta di una dittatura, di cui hanno anche paura, ma che comunque guarda al popolo nei limiti di quanto può, e che, almeno sembrerebbe, non vuole creare eccessive disparità. Insomma se è vero che molti potrebbero stare meglio, è anche vero che altrettanti, se non di più, potrebbero stare molto peggio.
Ad Habana Vieja troviamo anche il nostro alloggio per i successivi tre giorni, la casa particular di Orlando e Darlene, che insieme ai vicini ci riempiono di attenzioni costanti. Sono piacevoli e molto gentili e con loro passiamo anche due serate, a ballare in uno dei locali lungo il Malecón, il famoso lungomare della capitale, e in un paladar, il ristorante particular.
In quei tre giorni, oltre a goderci le accese notti della capitale, girovaghiamo per la città, dove la propaganda del regime la fa da padrona, il cui simbolo è rappresentato da Plaza de la Revolución. La piazza è il cuore politico di Cuba, circondata da edifici governativi, sulle cui facciate campeggiano le immagini gigantesche di Camilo Cienfuegos e di Che Guevara (dalla famosa foto di Alberto Korda) con il suo motto universalmente noto “hasta la victoria siempre”. Al centro della piazza c'è il monumento a Josè Martì, uno dei tanti che Cuba gli ha dedicato, ma questo è senza dubbio il più imponente. La costruzione più alta de L’Havana, da cui, pare, si goda una vista magnifica della città. Il monumento quel giorno è però inavvicinabile, protetto da guardie armate. Non ci è possibile neppure capire il perché, ci allontanano e basta dicendo "Serrato".
Da L’Havana a Trinidad, la differenza è tanta: città vasta e movimentata la prima, paesino piccolo e tranquillo la seconda. I colori e l’atmosfera la rendono perfetta per essere fotografata. Qui ci sono soprattutto anziani e la maggior parte di loro sfrutta la mattina presto o il tardo pomeriggio per godersi un po’ di fresco, seduti fuori dalle loro case. Ed è soprattutto quello il momento che ho scelto per fotografarli, con i muri, le porte e le finestre dai colori più vari a fargli da sfondo. Lungo Simon Bolivar e le sue traverse che dalla casa particular di Ariel e Madelvys, dove alloggiamo, ci porta alla Plaza Mayor di Trinidad, ai mercatini della città vecchia e alla Casa de la Musica. I nostri padroni di casa hanno anche un amico fiorentino, tifoso viola, di Curva Fiesole … quanto è piccolo il mondo!
Da Trinidad ci spostiamo anche verso le cascate del salto del Caburni, 45 minuti su una macchina mangiata dalla ruggine che si accende a spinta, ma pur sempre funzionante; poi 3 km di sentiero a piedi … ma ne vale la pena!
Lasciata alle spalle Trinidad, ci dirigiamo a Camaguey, molto simile al paesino appena salutato, colorata ed apparentemente ordinata, ma ben più grande. Anche qui parte del centro è in restaurazione e quattro sono le piazze da vedere, bellissime, ma essenzialmente frequentate da soli turisti. E’ soprattutto il labirinto di strade che però affascina, con case dalle facciate ogni volta di colore diverso: blu, verde e rosa vanno per la maggiore.
Ma Camaguey mi rimarrà impressa nella mente soprattutto per Jimmy, cubano, conosciuto al mercato centrale della città, un tempo esteso e ricco di merci e oggi ridotto ad un piccolo spiazzo. Jimmy ci racconta di essere stato professore di psicologia all’università fino all’anno prima, abbandonata perché ha scoperto a malincuore che arrangiandosi con lavoretti per strada avrebbe guadagnato di più. Ci porta a vedere la casa che si stava costruendo e dove avrebbe vissuto insieme alla moglie dentista. La casa confina con quella del fratello e lì conosciamo anche il suo amico Umberto, che lo aiuta nei lavori di ristrutturazione.
Jimmy parla molto bene l’italiano, che ha studiato da solo sui libri, e per un paio di ore ci racconta la sua Cuba, piena di contraddizioni, che come molte delle sue case e palazzi, ha una facciata tutto sommato bella ed affascinante, ma poi entrandoci dentro e scavando un po’ si mostra per quella che è realmente. Lui, psicologo e persona veramente intelligente (fingere di essere stupido è facile, fingere di essere intelligente invece non è possibile), costretto ad arrangiarsi per strada e a sperare che turisti come noi gli diano una piccola mano dopo aver sentito la sua storia e visto la sua casa; la moglie, dentista, è in partenza con il permesso del regime per il Venezuela dove lavorerà e guadagnerà di più per i successivi due anni.
Al contrario di ciò che credevo, i cubani si pagano acqua e luce: ho potuto vedere le bollette ed il contatore. La sanità seppur diritto sociale inalienabile di tutti i cubani, è comunque tassata e quello che passa lo stato in cibo ed acqua è veramente una miseria ogni mese: Jimmy mi mostra e mi lascia da portare con me a casa un suo vecchio libretto statale in cui erano state nel tempo segnate le scarse razioni mensili di cibo.
A Cuba il maggior problema è però la mancanza di libertà: ognuno controlla l’altro. Ogni quartiere ha il suo CDR, Comité de Defensa de la Revolución, nato nel 1960 come risposta popolare al terrorismo scatenato da organizzazioni che combattevano clandestinamente la Rivoluzione Cubana. Da allora costituisce un’organizzazione di massa popolare, la più grande del paese, alla quale appartengono oggi più dell’88 % dei cittadini che hanno più di 14 anni di età. Il CDR monitora ogni cubano, ogni casa, ogni attività, tiene un registro di tutto ciò che riguarda ogni singola famiglia, tutto ciò che guadagna, tutto ciò che acquista e vende, e su ogni singola porta di Cuba è attaccato un piccolo adesivo che riporta la scritta “controllata”. E’ solo grazie al mercato nero, su cui i poliziotti chiudono fortunatamente un occhio e dove i cubani acquistano gli extra di cibo, vestiti e servizi utili a vivere, che il sistema non crolla.
Secondo Jimmy e la sua famiglia “meglio povero sotto un ponte in Italia che ricco a Cuba”, “meglio il pericoloso ma maggiormente libero Venezuela alla censurata Cuba”.
Va sottolineato però che nonostante il PIL di Cuba sia quello di un paese del terzo mondo, e nonostante soprattutto le fortissime limitazioni al commercio con l’estero imposte dagli Stati Uniti d’America, la sanità, l’istruzione ed una casa sono comunque assicurati a tutti a basso costo; il prezzo da pagare è però la mancanza di piena libertà, l’impossibilità di fare qualsiasi cosa senza l’approvazione ed il controllo dello stato, l’impossibilità di emergere perché si ha merito; da un lato il lavoro è assicurato dallo stato a tutti i cubani e solo ai cubani, dall’altro i prezzi ed i guadagni di ogni singola attività sono controllati e fissati dallo stato stesso. E’ probabilmente questa mancanza di libertà che maggiormente pesa sui cubani, soprattutto quelli più giovani, e matura in loro uno spirito di ribellione che sembra essere sempre più forte.
Non solo con Jimmy, ma con molti altri cubani abbiamo parlato e discusso, a bassa voce ovviamente, della vita a Cuba: bramano la libertà, ma sembra anche che ne abbiamo paura, perché non sanno cosa potrebbe attenderli e soprattutto chi potrebbe venire dopo Fidel e questa paura li tiene ancora legati ad un regime che nonostante tutto conoscono e con cui hanno imparato a convivere, perché tante volte la paura più grande risiede proprio in ciò che non si conosce, perché, al contrario di ciò che è noto, non offre nessuna sicurezza.
Da Camaguey a Santiago de Cuba, all’estremo opposto dell’isola rispetto a L’Havana; Santiago è la seconda capitale del paese per dimensione e posizione; una città anch’essa colorata ma soprattutto fatta di continui saliscendi poiché costruita sui colli nei pressi del mare. A Santiago ogni quartiere ha la sua più o meno piccola gang ed il suo capo e la corda del regime sembra essere un po’ più lente; da queste parti conviene stare un po’ più attenti e guardinghi.
Quello che non manca a Santiago, anzi sembra essere ancora più forte rispetto al resto dell’isola, è l’orgoglio di essere cubani, di essere di Santiago. Slogan, propaganda ovunque, monumenti e riferimenti allo spirito ribelle della città dove la Rivoluzione cubana ha avuto inizio, con i suoi eroi, da Fidel al Che, ma soprattutto, da queste parti, Almeida.
Qui conosciamo Lucibel, che nei tre giorni passati a Santiago, ci fa da autista personale e cicerone scorrazzandoci in giro per la città e fuori da essa, dalla spiaggia alla montagna circostante. Lucibel, un tempo parte dell’esercito cubano, è ormai anziano ed in pensione, ma per dare sostegno alla propria famiglia continua a lavorare come tassista abusivo per pochi Pesos Nazionali e tal volta, se è fortunato, per qualche CUC dato dai turisti.
Lucibel lavora con la propria macchina sgangherata concessali ad un costo ragionevole dallo stato. Ci descrive e racconta la storia di ogni monumento commemorativo che troviamo lungo la strada; elogia più e più volte il regime; e continua a farlo anche dopo che, con noi fermi ad aspettarlo in macchina, si prende una multa, alquanto salata, perché lavora senza licenza; così quel giorno, ci porta ovunque, pagandosi la benzina, aspettandoci quando vogliamo fermarci, tutto per pagarsi una multa ingiusta. Viene da chiedersi come, secondo il regime cubano, Lucibel potrebbe altrimenti vivere senza quel lavoro a nero e senza una pensione adeguata. Lui giustifica il regime con un’unica frase, “una vita senza sacrificio non ha sapore”, frase che probabilmente rispecchia la maggior parte dei cubani più anziani che hanno vissuto la Rivoluzione ed hanno lottato per la propria libertà al fianco di Fidel e che oggi continuano ad osannarlo nonostante forse, anche loro, iniziano a sentire questa “libertà” sempre più stretta. La frase espressa da Lucibel è sicuramente molto bella e profonda, ma in questo caso sembra mancare di qualcosa, ossia di una più giusta ricompensa dopo tanto sacrificio.
Dopo Santiago iniziamo a tornare verso Ovest, passando per i favolosi ma puramente turistici Cayos prima, e per la città di Santa Clara poi. Santa Clara è la città simbolo del leggendario Che, dove lui stesso guidò una parte dei ribelli riuscendo proprio qui a spezzare in due le linee mercenarie di Batista e ad aprire la strada al trionfo della Rivoluzione di Fidel e dei cubani. E’ proprio a Santa Clara che è sepolto il Guerrillero Heroico, a cui è dedicato un imponente mausoleo.
Ultima tappa del mio viaggio a Cuba, l’estremo Ovest dell’isola, e più precisamente Pinar del Rio, famosa per la bellissima flora che offre e perché è la regione dove è coltivato il miglior tabacco di tutta Cuba. Per queste terre ci muoviamo anche a cavallo, tra i campi coltivati, dove facciamo conoscenza con alcuni dei contadini ed allevatori di bestiame del posto.

Dopo tre settimane a Cuba, prendo la strada verso l’aeroporto, nell’unica giornata di vera pioggia e tormenta. E’ stata una splendida esperienza che sono contento di aver fatto prima che il tempo e un mondo sempre più frenetico e globalizzato trasformi Cuba in quella che non è ma che “forse” ormai brama sempre più essere.
Hasta siempre, Cuba!