IL PELLEGRINAGGIO DI ADAM’S PEAK

by Giovanni Vichi

Uomini e ragazzi vestiti di bianco trasportare sulle spalle il peso di sacchi pieni di offerte e cibo per i pellegrini; genitori caricarsi del peso dei loro piccoli, che, noncuranti della fatica, puntano dritti alla meta; monaci silenziosi ed imperturbabili affrontare un gradino alla volta; donne anziane ormai sfinite aggrapparsi ai più giovani ma alla fine ce la fanno; persone di ogni età e sesso piegarsi per la fatica e riposarsi lungo il percorso; a volte la fede nella salvezza spinge una persona a superare i propri limiti fisici.

Ho visto tutto questo, passo dopo passo, lungo i 5200 gradini che conducono alla cima del Picco di Adamo, Sri Lanka, meta di pellegrinaggio da oltre mille anni, luogo in cui ogni devoto, di qualsiasi religione, dovrebbe recarsi almeno una volta nella vita, se non nella speranza di accumulare meriti, almeno per godere dello spettacolo mozzafiato che questa creazione della natura può regalare a chi ne raggiunga la cima a 2243 metri.

La montagna, che da secoli cattura l’immaginario collettivo è conosciuta con vari nomi che riconducono a molteplici tradizioni religiose: Adam’s Peak, “il Picco di Adamo”, il luogo dove, secondo mussulmani e cristiani, Adamo avrebbe messo piede sulla terra dopo essere stato cacciato dal paradiso terrestre; Sri Pada, “Piede Sacro”, per via dell’enorme orma che si trova sulla sommità e che sarebbe stata lasciata, secondo i buddhisti, dal Buddha durante la sua discesa tra i comuni mortali mentre, secondo gli induisti, dal grande dio Shiva; ma il nome più poetico rimane quello propriamente singalese: Samanala Kanda, “montagna delle farfalle”, il luogo in cui si dice che le farfalle si rechino a morire.

Non si tratta della montagna più alta ma sicuramente della più sacra e di quella che più intimorisce qualunque turista o pellegrino abbia deciso di intraprenderne la scalata: una piramide quasi perfetta che svetta ai margini del villaggio di Dalhousie. Bancarelle e punti di ristoro costeggiano l’intero percorso dove è possibile acquistare le provviste necessarie per la scalata. Il pellegrinaggio ha luogo di notte, in tempo per raggiungere la sommità del picco al sorgere del sole.

 

Alcuni altri scatti del mio viaggio in Sri Lanka: i molti templi sparsi per tutto il paese, la meravigliosa ed imponente Sigiriya, i parchi nazionali, le piantagioni di tè della Hill Country, Kandy notturna ed il forte di Galle.